Categorie
Versi

lo scopriremo solo vivendo

Quante volte l’ho ascoltata, soprattutto in auto con papà!!! Mio padre era innamorato di Battisti, era veramente un fan-fantastico! Quando ero piccina, George aveva il mangianastri in macchina, sotto il sedile lato guida, ed a parte qualche musicassetta di compilation estive ( Fausto Papetti, Santo & Johnny, I Nomadi, Drupi ) si ascoltava solo Lucio Battisti.

L’ultima canzone dell’album “Una giornata uggiosa“, è la bellissima Con il nastro rosa; quando ancora -nel 1980- esistevano i 45 giri, era il lato B del singolo mentre nelle musicassette era l’ultima traccia della seconda parte!

Dal web Musicassetta

Una giornata uggiosa è stato l’ultimo album della collaborazione di Lucio Battisti con Giulio Rapetti ( quel Mogol che ha scritto decine e decine di canzonette italiane).

Con il nastro rosa contiene la famigerata frase

“lo scopriremo solo vivendo“;

questo è il verso più citato della storia della canzone italiana (un grazie va anche alla Gialappas che l’ha reso ancora più popolare facendolo diventare un tormentone).

Ma non è solo il testo a rendere indimenticabile questa canzone: memorabile è l’assolo finale, suonato con la chitarra elettrica da Phil Palmer.

Ognuno dia alla canzone il significato che vuole.

“… ma il sentimento era già un po’ troppo denso, e son restato…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...